Come Funzionano i paradisi fiscali

  Versione 1.0    ?

Tempo fa ho letto un libricino riguardante i vari modi per arricchirsi sfruttando i paesi più poveri e ho trovato un piccolo esempio molto semplice che desideravo proporre qui sul blog.

I paradisi fiscali oggi rappresentano uno dei pilastri più importanti su cui si posa l'architettura finanziaria mondiale, pilastri su cui si basa il nostro benessere che ha come prezzo lo sfruttamento dei paesi del sud del mondo.

Spero che questo esempio vi faccia capire meglio una situazione che oggi è diventata la regola della stragrande maggioranza delle multinazionali.


SEMPLICE MECCANISMO DI FUNZIONAMENTO DEI PARADISI FISCALI
Avete una multinazionale con sede in un paese occidentale (A) che produce scarpe.
La produzione di scarpe avviene materialmente in un paese del sud del mondo (C), ad un costo di 10 dollari, mentre il prodotto finito viene venduto ai consumatori del paese A per 100 dollari.
Se il passaggio avvenisse direttamente da C ad A sareste costretti a pagare le tasse sui profitti previste dalla legge vigente in A (in questo caso, per semplificare e trascurando altri costi, su 100-10= 90 dollari).
Decidete però di costruire una filiale in un paradiso fiscale (B). A questo punto la ditta del paese C vende alla filiale di B le scarpe per 10 dollari. La filiale di B rivende a sua volta alla casa madre in A per 100 dollari.
Questo significa che il vostro profitto di 90 dollari è stato realizzato nel paradiso fiscale B e rivenderete le scarpe al consumatore finale sempre a 100 dollari, senza alcun utile (100-100 = 0 dollari guadagnati), ovvero senza pagare tasse.
Nel caso la vendita (da B ad A) avvenisse a 105 dollari, la vostra impresa A registrerebbe addirittura una perdita, permettendovi di usufruire degli sgravi fiscali e dei sostegni messi a disposizione dagli Stati per le imprese in perdita.

Purtroppo questo meccanismo descritto dall'esempio è del tutto lecito, proprio perché non esiste un "governo mondiale" che regolarizzi la concorrenza delle multinazionali e moderi il servilismo dei governi nazionali che fanno di tutto per favorirle.

Non dico altro perché questo argomento è davvero vasto e merita una serie di interventi ben strutturati. Questa parte economica sarà trattata tra qualche mese, così avrò il tempo di studiarmi meglio questo nuovo materiale che ho acquisito.

Vi consiglio di comprare il libro di Andrea Baranes indicato nei riferimenti, costa poco ed è davvero illuminante. L'ultimo link è una vera è propria guida per chi voglia davvero nella pratica cominciare a guadagnare soldi con delle società off-shore nei paradisi fiscali.

Buona giornata a tutti.


Riferimenti e link utili

Commenti

  1. Non mi ero mai informato granché sull'argomento, il tuo articolo è stato illuminante.

    Il problema di fondo è che non c'è nulla di illecito, nonostante risulti evidente che sia un imbroglio fatto e finito. Sostanzialmente, è evasione fiscale legalizzata.

    RispondiElimina
  2. Esatto. Ti consiglio il libricino di Baranes, costa solo 3 euro.

    RispondiElimina

Posta un commento

Condividi con me le tue impressioni e aiutami a rendere i miei post più semplici da capire.

Per non generare liti con gli altri utenti, cerca di essere gentile ed educato: l'aggressività porta altra aggressività.

Sii corretto: rispetta le opinioni degli altri, cerca di comprendere prima di giudicare.

Sii chiaro: se non ti esprimi bene si possono generare incomprensioni e finiresti per creare un confronto diverso da quello che tu vorresti. Cerca di attenerti all'argomento del post.

Non attaccare, ne difendere, nessuno. Cerca di limitarti solo a dire quello che pensi in modo oggettivo, senza provocazioni, sarcasmo o altri fattori che generino un comportamento aggressivo.

COMPRENSIONE NON È APPROVAZIONE.

Qualunque cosa io o gli altri possano scrivere, anche la cosa più orribile, il cercare di comprenderla non vuol dire affatto che la approvi.
Ricordalo, è un ottimo esercizio anche per la vita di tutti i giorni.