Il fuoco che deve bruciare

  Versione 1.3   ?

Supponiamo che in una stanza ci siano solo delle candele e nient'altro.

Queste candele molte volte a causa di un imprevisto si spengono. Se in questa stanza non rimane accesa almeno una candela non è possibile riaccendere le altre se non con un fuoco esterno.

Una volta al duomo di Milano fui colpito dal vedere quante persone tramite le candele già accese accendevano la loro candela appena scartata dal pacco.

Mi è venuta in mente cosi l'importanza dello stare insieme, dell'aiutarsi e del resistere a tutti gli imprevisti per poter tenere il proprio fuoco sempre acceso. Per fuoco intendo i buoni sentimenti di speranza, amore e buona volontà.

Basta solo una persona che abbia la forza di bruciare il suo fuoco per poter accendere i cuori spenti di chi non ha il calore di un amore, o la luce di una guida, o l'energia per reagire.

Ma c'è di più...

Questo fuoco non è solo il prodotto di una combustione che ha bisogno di particolari condizioni per poter bruciare: questo fuoco puo resistere ai venti che ci costringono a cambiare direzione, può illuminare le notti più buie e tempestose. E' il fuoco che arde nel nostro cuore, la positività che è dentro di noi.

Nella vita bisogna battersi per non restare soli, perchè isolarsi è spesso troppo facile, soprattutto psicologicamente, quando attorno a te tutto gira male. Non ha senso far bruciare di più il proprio fuoco se non hai altre candele da accendere e soprattutto se non hai altre candele che possono accenderti quando inevitabilmente nella vita ci sono degli imprevisti che ti indeboliscono. Anche la statistica dice che gli uomini soli muoiono prima, forse perché non hanno niente o nessuno di cui prendersi cura.

Anche i più deboli, non devono mai perdere la voglia di vivere e di migliorarsi, non devono mai sottovalutarsi. Anche una piccola candelina da compleanno è in grado di accendere una fiaccola olimpica, basta che sia accesa. Chi smette di vivere a pieno la propria vita e si abbandona nella fuga dalla proprie sofferenze danneggia la voglia di vivere degli altri.

La nostra fiamma non dovrebbe mai smettere di bruciare se vogliamo prenderci cura di ciò che amiamo.

La metafora della stanza con le candele mi ha regalato un po' di ottimismo. Un uomo ha sicuramente dei limiti che non può superare, ma è bello voler essere ancora più forti per proteggere le persone che amiamo e che in questa vita viaggiano insieme a noi.

Un giorno spero di vedere la mia vita come una stanza piena di candele accese, calda, luminosa e rassicurante. Una stanza cosi bella da poter rendere dolce anche il giorno in cui la cera di una candela si esaurirà.

Ci sarà tanto da sudare ma questa non è una novità... 
"Come una candela ne accende un'altra e cosi si trovano accese migliaia di candele, cosi un cuore accende un altro e cosi si accendono migliaia di cuori"
Lev Tolstoi

Commenti