Sardegna: cavia inconsapevole da inquinamento militare

  Versione 1.0   ?

La settimana scorsa, quando preparavo il post sul MUOS di Niscemi, riflettevo su quanto possa essere complicato ribellarsi quando di mezzo ci sono delle istituzioni militari.

Già quando siamo dinanzi alle normali istituzioni politiche è difficile, ma almeno i media possono aiutarci ad avere informazioni utili. Ma che succede quando ci troviamo di fronte a segreti militari, a zone invalicabili e altre limitazioni ad ogni tentativo di trovare la verità?

Nei giorni successivi ho approfondito, ho fatto altre ricerche, e mi sono accorto che c'è una regione in italia che è completamente devastata dall'inquinamento militare: la Sardegna.

A questo punto vi aspetterete da me il mio solito post ricco di riferimenti e immagini, ma oggi purtroppo dovrò deludervi. Troppi dubbi e incertezze sono legate all'inquinamento militare in Sardegna, mi limiterò quindi a fare qualche considerazione personale.

Strano ma, proprio in Sardegna, una terra dove esistono le persone più longeve del pianeta, ci sono alcuni paesini dove l'incidenza dei tumori è così elevata che sarebbe un offesa all'intelligenza considerarla una coincidenza.

Eppure, come quando sei colpito da tante malattie contemporaneamente, non riesci a trovare una causa precisa a cui porre rimedio. Possiamo vedere gli effetti sinergici di vari tipi inquinamento (chimico, elettromagnetico e radioattivo), e di polveri così fini che hanno generato una nuova classe di malattie (le nanopatologie)

La terra, l'aria è il mare sono contaminati in una regione che è ormai al servizio della difesa del paese. Basta vedere questa immagine per rendersi conto:

Linfomi, leucemie, malformazioni animali e umane sono però soltanto parole quando non puoi dimostrare nulla. Nonostante il male sia sotto gli occhi delle popolazioni limitrofe, ogni rilevazione ufficiale non ha trovato nulla di strano, nulla di compromettente. Forse anche io sto sbagliando a trarre le conclusioni di oggi senza nessuna prova, senza nessuno studio che mi dia ragione.

Alla fine di ogni post mi piace lasciare sempre uno spiraglio di speranza, un qualcosa che possa ispirare la soluzione, ma ammetto che oggi è veramente difficile. 

In tutta la storia dell'uomo, le logiche di potere hanno sempre schiacciato il bene della collettività. Ma è anche vero che ogni logica di potere è inesorabilmente caduta, per dare spazio al miracolo della rinascita umana.

Spero che i politici italiani si rendano conto della follia delle loro scelte passate prima che sia troppo tardi.

Per ulteriori approfondimenti, vi consiglio questo link come punto di partenza.

Commenti

  1. L'inquinamento è la piaga della società moderna. Lentamente ci stiamo sensibilizzando e avviando verso una civiltà ecosostenibile. Il primo passo lo si sta facendo con una maggior attenzione verso le energie rinnovabili, non solo da parte dei governi, ma soprattutto grazie alla sensibilità dei cittadini. Basti pensare alla diffusione delle auto elettriche e ibride, che ormai stanno conquistando una buona fetta di mercato. Nuovi investimenti in ricerche scientifiche per ottenere trasporti ecosostenibili ed energie pulite lasciano presagire una speranza: la speranza che certe cose non si verifichino più.

    RispondiElimina

Posta un commento

Condividi con me le tue impressioni e aiutami a rendere i miei post più semplici da capire.

Per non generare liti con gli altri utenti, cerca di essere gentile ed educato: l'aggressività porta altra aggressività.

Sii corretto: rispetta le opinioni degli altri, cerca di comprendere prima di giudicare.

Sii chiaro: se non ti esprimi bene si possono generare incomprensioni e finiresti per creare un confronto diverso da quello che tu vorresti. Cerca di attenerti all'argomento del post.

Non attaccare, ne difendere, nessuno. Cerca di limitarti solo a dire quello che pensi in modo oggettivo, senza provocazioni, sarcasmo o altri fattori che generino un comportamento aggressivo.

COMPRENSIONE NON È APPROVAZIONE.

Qualunque cosa io o gli altri possano scrivere, anche la cosa più orribile, il cercare di comprenderla non vuol dire affatto che la approvi.
Ricordalo, è un ottimo esercizio anche per la vita di tutti i giorni.