Tradimento per un partner migliore

 Versione 1.0   ?

Eppure la maggior parte della gente crede che l'amore sia costituito dall'oggetto, non dalla facoltà d'amare.
Infatti, essi credono perfino che sia prova della intensità del loro amore il fatto di non amare nessuno tranne la persona «amata» [...]
Poiché non si vede che l'amore è un'attività, un potere dell'anima, si ritiene che basti trovare l'oggetto necessario e che, dopo ciò, tutto vada da sé.

Iniziamo il post con questo pezzo estratto dal libro “L'arte di Amare”, di Erich Fromm, il quale introduce molto bene l'argomento di oggi: il tradimento con una persona soggettivamente “migliore” del partner abituale.

Oggi, soprattutto oggi, le persone credono che l'amore che possiamo provare non provenga da dentro di noi, ma che piuttosto dipenda dalla persona che “ci fa innamorare”.

Da quando Belen “ha rubato” il fidanzato ad Emma Marrone, noto che in molti forum c'è stato un certo panico (nemmeno fosse la guerra in Siria).


L'altro giorno leggevo di un ragazzo che si domandava quale era più bella tra Belen ed Emma, e quale percentuale degli uomini avrebbero scelto Belen. Alcuni dicevano che Belen oltre ad essere bella sa ballare e cantare, altri dicevano che era solo una bomba a letto.

Insomma, i soliti discorsi degli adolescenti e degli adulti molto superficiali.

Forse a causa dei film o dei cartoni animati, c'è una diffusissima idea del fatto che esistono persone capaci di farci innamorare contro la nostra volontà: principi o principesse di una bellezza straordinaria e pieni di virtù come coraggio, gentilezza, bontà d'animo, capaci di capirci come nessun'altro, ecc...

Quindi, chi crede che questa sia la regola dell'amore, probabilmente è cosciente del fatto che la scelta di stare con una persona per tutta la vita è pura illusione, o al massimo frutto di fortuna.

Ecco quindi che, un idea di questo genere, può seminare paura e panico, che a loro volta possono causare dubbi e insicurezze, inquinando la nostra naturale capacità di amare.

Come potremmo stare tranquilli se il nostro partner lavorasse a stretto contatto con persone di sesso diverso? Potrebbe incontrare una persona stupenda capace di far nascere in lui sensazioni meravigliose, potrebbe emergere una forte passione sessuale, potrebbe farlo rendere conto che noi non valiamo tanto quanto crede.

Allora cerchiamo di limitare gli incontri con l'altro sesso, sia per noi stessi che per il partner, cercando di esercitare un controllo sulla nostra vita di coppia:

  • ci arrabbiamo se il nostro ragazzo chatta con altre ragazze, perché potrebbe scoprire quanto sono belle;
  • ci terrorizza l'idea che la nostra ragazza sia circondata da tanti colleghi maschi, che sicuramente ci provano con lei tutti i giorni.
Tutte queste cose, e molte altre, ci destabilizzano ed inesorabilmente accrescono la paura che è dentro di noi, la stessa paura che annulla la nostra capacità di amare.

A causa di questo stato d'animo, cerchiamo di migliorare sempre di più le nostre qualità fino a quanto non ci sentiamo impotenti; cerchiamo di apparire sempre appetibili e migliori degli altri agli occhi delle persone che amiamo, inutilmente.
Vogliamo diventare un oggetto di valore, con la speranza di essere sempre preferiti ad altri partner.
Purtroppo però le cose non funzionano in questo modo:
  • ragazze angeliche sono pazzamente innamorate di grandi bastardi, che le fanno soffrire senza pietà;
  • ragazzi d'oro sono innamoratissimi di vere e proprie stronze, che li trattano come zerbini.
Quando vediamo queste situazioni non capiamo come possano essere possibili, forse pensando che siano normali anomalie della vita. Con molta probabilità invece è anomalo il nostro modo di pensare.
Tutti hanno qualcosa migliore di noi, nessuno escluso.
La mia ragazza troverà sempre qualcuno più bello, o più intelligente, o più sensibile, o più forte di me. Allo stesso modo io troverò sempre qualcuna migliore di lei in qualcosa, senza dubbio.

So che questo ragionamento potrebbe sembrare una svalutazione dei miei sentimenti di amore, ma invece è proprio questa la base per avere la forza che ci serve per amare.

Se tradiamo il nostro partner per un amante migliore, non è perché siamo “vittime” di un amore inarrestabile, ma è semplicemente perché siamo degli egoistiSe ci facciamo dei calcoli e frequentiamo una persona in base a quanti vantaggi possiamo ottenere, non è certo amore.

Per questo stesso motivo, non ha senso aver paura di esser traditi. Se il nostro partner ci tradisse con qualcuno che ha qualcosa che noi non riusciamo a dargli, è evidente che non è per amore, ma è per semplice egoismo.
L'amore si misura in base ai sacrifici che siamo disposti a fare, non in base a quanti vantaggi possiamo ottenere.
Se veniamo traditi è soprattutto responsabilità del traditore e non dell'amante. Anche se è scorretto stare con una persona già impegnata in un'altra relazione, il traditore ha SEMPRE la facoltà di dire NO.

E se il nostro partner ci tradisce a causa di un egoismo più forte dell'amore che prova per noi, è evidente che ha paura di soffrire.

E se il nostro partner soffre senza che noi ce ne rendiamo conto, in piccola parte siamo anche noi responsabili del suo tradimento.

Non voglio giustificare nessuno, vorrei solo che traditori e traditi si capiscano un po' di più. Non pensiate che io voglia approvare comportamenti scorretti. Come dice Erich Fromm, l'amore è un'attività, un arte, una capacità, non un impulso che parte da dentro in base all'oggetto che amiamo.

Se tradiamo vuol dire che il nostro amore è più debole della paura di soffrire, della paura di non essere felici con il partner attuale, e non perché abbiamo incontrato una persona eccezionale che “ci ha fatto innamorare implacabilmente”.
L'amore non è una semplice scintilla, l'amore è un fuoco purificatore che brucia ogni nostra paura, facendo emergere il meglio di noi.
Questo fuoco è calore, è luce e tanti altri meravigliosi vantaggi. Ma è anche sacrificio, dolore, sofferenza, a causa di tutte le prove che dobbiamo superare per esaltare l'umanità che è dentro di noi.

Riuscendo a liberarci dalla diffusa concezione malata dell'amore possiamo vivere senza ombra di dubbio una vita di coppia più serena e più autentica di tutte le favole più belle che abbiamo visto o sentito.
Un amore reale è infinitamente meglio di un amore da favola.
Non vi accontentate delle fiabe, puntate alla realtà, ADESSO.

Alla prossima. 

Commenti

  1. Pienamente e perfettamente d'accordo.

    L'amore è sacrificio, dannazione....ho subito mesi fa la "scintilla" verso qualcun'altro, ma leggendo le tue parole mi sono perfettamente ritrovata nei miei ragionamenti durante quei giorni di fuoco.

    E più leggevo, più era ancora più chiaro il motivo per cui ho scelto e sempre sceglierò il mio fidanzato...l'amore non è una scintilla, l'amore è anche dolore, sacrificio, resistenza.

    Hai scritto delle parole meravigliose che mi hanno commosso, sei capace davvero di toccare il cuore delle persone... =)

    RispondiElimina
  2. Brava Sara! Io sono stato sempre politicamente "contro la scintilla".

    Comunque questi argomenti sono sempre molto delicati, questo post andrà quindi migliorato nel tempo. Se hai qualche critica o suggerimento fammelo sapere, anche come mail privata.

    Saluti =)

    RispondiElimina
  3. La scintilla è sempre un argomento bastardo...

    Nel mio caso (problemi a scriverti in privato non ne ho, sta storia credo la conoscano anche in Burundi ormai) ero, sono ancora profondamente innamorata del mio fidanzato, la scintilla era l'attrazione verso qualcuno che ricambiava, era la novità, era il buttarsi.
    Ma qualcosa continuava a frenarmi, non si trattava solo di buonsenso, si trattava soprattutto di Amore.
    Questo è il mio caso, come il caso di tante altre persone...

    Esistono anche casi in cui la scintilla è la svolta definitiva in una relazione che non andava più così tanto bene per svariati fattori.
    Sempre meglio interrompere una relazione prima di fare l'altro cornuto.
    Sempre meglio tentare il tutto per tutto prima di interrompere una storia.
    Ma quando mancano tanti elementi importanti in una storia, che con il passare del tempo sono crollati, che senso ha continuare?

    La scintilla è una stronza (sono già alla seconda parolaccia, mi arrestano..) nel momento in cui tu hai voglia di combattere per la tua coppia.
    La scintilla è un toccasana nel momento in cui ti senti soffocare dalla tua relazione.

    Sento di aver davvero sgarrato negli studi...

    RispondiElimina

Posta un commento

Condividi con me le tue impressioni e aiutami a rendere i miei post più semplici da capire.

Per non generare liti con gli altri utenti, cerca di essere gentile ed educato: l'aggressività porta altra aggressività.

Sii corretto: rispetta le opinioni degli altri, cerca di comprendere prima di giudicare.

Sii chiaro: se non ti esprimi bene si possono generare incomprensioni e finiresti per creare un confronto diverso da quello che tu vorresti. Cerca di attenerti all'argomento del post.

Non attaccare, ne difendere, nessuno. Cerca di limitarti solo a dire quello che pensi in modo oggettivo, senza provocazioni, sarcasmo o altri fattori che generino un comportamento aggressivo.

COMPRENSIONE NON È APPROVAZIONE.

Qualunque cosa io o gli altri possano scrivere, anche la cosa più orribile, il cercare di comprenderla non vuol dire affatto che la approvi.
Ricordalo, è un ottimo esercizio anche per la vita di tutti i giorni.