Il Partito Perfetto

Alle prossime elezioni so chi votare. VOTATE E FATE VOTARE IL PP, il PARTITO PERFETTO!!!

Dovete sapere che nel partito perfetto non solo si fanno le primarie, ma i candidati a governare si scelgono per democrazia diretta tramite internet.

I candidati ad andare alle elezioni sono selezionati da prove durissime, fisiche e psicologiche, e solo chi ha un adeguato profilo può diventare un esponente del partito.

Ma non è finita qui. Chi diventa esponente del partito non è libero di fare come vuole, ma è continuamente chiamato a confrontarsi con i suoi elettori che, sempre tramite internet, gli dettano il loro volere.

Anche se nessuno è perfetto, i politici del partito perfetto non sbagliano mai, non fanno mai un errore, se hanno qualche guaio privato non si fanno manipolare da chi può risolvere i loro problemi, se minacciano la loro famiglia non si fanno ricattare...
SMETTETELA DI SOGNARE
Il partito perfetto non esiste. 

Fin quando cercheremo la perfezione nelle persone che eleggiamo andremo solo incontro a delusioni, perché nessun uomo è perfetto, perché ogni cosa costruita dall'uomo è imperfetta, e quindi condannata all'errore.

La politica italiana è una diretta espressione del popolo italiano: QUANTI DI NOI RIUSCIREBBERO AD AVERE UNA VITA AUSTERA UNA VOLTA ACQUISITO IL POTERE?

Chi sbaglia deve pagare, nessuno lo mette in dubbio. Ma pretendere uno stile di vita che noi nemmeno proviamo ad avere mi sembra davvero una pretesa infantile e senza senso.

Il post di oggi non è una difesa per i politici corrotti, ma uno spunto di riflessione per chi fa il perfettino "rimanendo deluso" per qualche scorrettezza che chiunque di noi in Italia farebbe se ci fossero le condizioni adatte.

La politica la formiamo noi: siamo noi italiani che cerchiamo raccomandazioni, che baciamo i piedi ad un politico, che regaliamo lauree e diplomi a chi sgancia tanti quattrini, che falsifichiamo una sentenza se ci pagano una tangente, ecc...
Il fallimento dei partiti è prima di tutto il fallimento di noi cittadini italiani.
Sinceramente non riesco a godere dei guai giudiziari di PD, PDL, Lega, ecc... Queste vicende non sono qualcosa di esterno al popolo italiano, queste vicende SONO il popolo italiano.
  • Quanti di noi siamo stati a guardare quando nel nostro paese accadeva qualcosa di disonesto?
  • Quanti di noi hanno commesso qualcosa di ingiusto?
  • Quanti di noi hanno incentivato gli altri ad essere disonesti?

Non è una questione di uomini, perché tutti gli uomini sbagliano, ma è una questione di cultura.
In una nazione con la maggioranza di cittadini onesti e intelligenti, non può esistere una classe politica a maggioranza disonesta e ignorante.

Questo non è solo un mio pensiero, questa è matematica, è logica, è statistica.

Invece di inorridire, rimbocchiamoci le maniche e proviamo ad individuare delle persone nuove che rappresentino i nostri ideali al prossimo governo.


Votate solo chi vi rappresenta, altrimenti non votate proprio. 

Avete visto cosa è accaduto votando "il meno peggio"? Ci ritroviamo come siamo oggi, con il 31% di disoccupazione giovanile.

Votate le idee, non gli uomini. Gli uomini sbagliano, le idee invece sono immortali, e possono sempre migliorare...

Commenti

  1. Ma non ti sei contraddetto dicendo: avete visto cosa è successo votando il meno peggio
    Forse chi ha fatto ciò è proprio perché sa che non esiste il partito perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, effettivamente mi sono contraddetto.

      Quando ho scritto questo post ero piuttosto incazzato con la politica, non ero molto lucido e non ho fatto un buon lavoro :D

      Elimina

Posta un commento

Condividi con me le tue impressioni e aiutami a rendere i miei post più semplici da capire.

Per non generare liti con gli altri utenti, cerca di essere gentile ed educato: l'aggressività porta altra aggressività.

Sii corretto: rispetta le opinioni degli altri, cerca di comprendere prima di giudicare.

Sii chiaro: se non ti esprimi bene si possono generare incomprensioni e finiresti per creare un confronto diverso da quello che tu vorresti. Cerca di attenerti all'argomento del post.

Non attaccare, ne difendere, nessuno. Cerca di limitarti solo a dire quello che pensi in modo oggettivo, senza provocazioni, sarcasmo o altri fattori che generino un comportamento aggressivo.

COMPRENSIONE NON È APPROVAZIONE.

Qualunque cosa io o gli altri possano scrivere, anche la cosa più orribile, il cercare di comprenderla non vuol dire affatto che la approvi.
Ricordalo, è un ottimo esercizio anche per la vita di tutti i giorni.