Lavoro: mission impossible

Proprio oggi ho letto un'inchiesta di Repubblica che mi ha scioccato, non tanto per la sorpresa ma per quanto abbia riprodotto in modo veritiero la ricerca del lavoro di un disoccupato come me.

L'inchiesta è davvero fatta bene, una delle migliori che ho letto fino ad oggi e vi invito a guardarvi uno per uno tutti i link che vi ho messo alla fine.

Quello che ho imparato oggi è che la ricerca del lavoro è molto più dura di quanto vedo, e vi assicuro che sto patendo tanto; io ho 29 anni e non ho figli e mi viene tristezza a pensare ai disoccupati di 35 anni con i figli e il mutuo.

Una cosa che farò da oggi sarà sicuramente smettere di rivolgermi alle agenzie interinali e provare a racimolare qualche soldo tornando nelle vendite, dato che li il lavoro non manca mai.
La strada migliore per trovare un lavoro è costruirsi una rete di conoscenze.
Sarà dura, ma non posso permettermi di fallire su questo. Buona lettura.


  1. L'inutile tour del disoccupato tra le agenzie. Ed ecco la blacklist: "Niente meridionali e gay".
  2. L'impresa impossibile degli over 35. Vietato ritrovare lavoro in Italia
  3. Perdere il posto a 35 anni: le storie
  4. Contatti personali e conoscenze. Ecco le strade delle assunzioni
  5. Ammortizzatori sociali più vicini. "Il tempi sono maturi per la riforma"
  6. Lavoro, la corsa a ostacoli dei 35enni. "Il Cv? Un messaggio in bottiglia" VIDEO
  7. Se il lavoro è "somministrato". Già 450mila in 'affitto' alle aziende

Commenti

  1. Grazie per aver condiviso, ti auguro in bocca al lupo, non mollare
    Bruno, il Superdisoccupato

    RispondiElimina
  2. Addirittura Bruno ha commentato nel mio blog. Crepi, ed in bocca al lupo anche a te.

    RispondiElimina

Posta un commento

Condividi con me le tue impressioni e aiutami a rendere i miei post più semplici da capire.

Per non generare liti con gli altri utenti, cerca di essere gentile ed educato: l'aggressività porta altra aggressività.

Sii corretto: rispetta le opinioni degli altri, cerca di comprendere prima di giudicare.

Sii chiaro: se non ti esprimi bene si possono generare incomprensioni e finiresti per creare un confronto diverso da quello che tu vorresti. Cerca di attenerti all'argomento del post.

Non attaccare, ne difendere, nessuno. Cerca di limitarti solo a dire quello che pensi in modo oggettivo, senza provocazioni, sarcasmo o altri fattori che generino un comportamento aggressivo.

COMPRENSIONE NON È APPROVAZIONE.

Qualunque cosa io o gli altri possano scrivere, anche la cosa più orribile, il cercare di comprenderla non vuol dire affatto che la approvi.
Ricordalo, è un ottimo esercizio anche per la vita di tutti i giorni.