Contraccezione: informazioni senza tabù

Chi non ha mai sentito parlare delle leggende metropolitane relative a ciò che è possibile leggere nelle riviste o siti per teenager. Dovete sapere che li esistono delle rubriche che tentano di essere un chiarimento per i ragazzi, specialmente sulle tematiche riguardanti il sesso. E proprio in queste rubriche è incredibile leggere domande sui modi più improbabili per rimanere incinta: spermatozoi geneticamente modificati in grado di superare qualsiasi ostacolo, partendo dalle zone più improbabili.

Per questo motivo, oggi ho deciso di fare un po' di informazione per gli adolescenti riguardo ai metodi contraccettivi più semplici, ricordando sempre che per qualsiasi approfondimento esistono i consultori nelle vostre città, oppure tantissimi siti con persone specializzate pronte a rispondervi.




Comincio subito con la rappresentazione di un po’ di dati sull'efficacia dei metodi contraccettivi [Kevin P.Hanretty, Obstetric Illustrated].

METODO
% EFFICACIA
Contraccezione orale (solo progesterone)
98.8
Contraccezione intrauterina
98.5
Diaframma vaginale
98.1
Preservativo
96.4
Coito interrotto
93.3
Metodi naturali
74.5

Come vedete dalla tabella, il metodo più efficace è la contraccezione orale (la pillola) che fa parte della contraccezione detta ormonale.

La contraccezione orale è la forma di contraccezione più comune. Milioni di donne oramai usano dire la frase “prendo la pillola”. E’ anche il contraccettivo più efficace oltre ad essere quello meno invasivo. La pillola va presa giornalmente per 21 dei 28 giorni del del ciclo mestruale, i quali possono dipendere dalla formulazione. Solitamente nello scatolo si aggiungono 7 pillole placebo in modo da non far interrompere l’abitudine a prenderla giornalmente. Se durante i 21 giorni si smette anche solo una volta la somministrazione, tutta la contraccezione è a rischio e bisogna aspettare l’inizio del nuovo ciclo mestruale per ricominciare. La contraccezione orale ha anche degli effetti collaterali che, con le recenti formulazioni, sono stati fortemente ridimensionati. Per saperne di più sulla contraccezione ormonale lascio a voi ulteriori approfondimenti (citerò qualche link utile alla fine).

I contraccettivi meno efficaci invece sono i metodi naturali, ossia quei metodi che si basano sullo studio dei fattori che incidono sul ciclo mestruale. I più comuni sono questi due:
  • Metodo della temperatura basale o dell’astinenza programmata
  • Metodo dell’ovulazione
La temperatura basale è la temperatura dell’organismo quando è a riposo. Nelle donne questa temperatura varia durante in giorni in funzione del livello di progesterone, un ormone da cui dipende il periodo fertile. Nel metodo della temperatura basale, si diagramma questa temperatura con i giorni del ciclo così da vedere chiaramente quale è il periodo migliore per avere rapporti sessuali, oppure non averne (a seconda dei fini).

Nel metodo dell’ovulazione si ci basa sulle variazioni fisico-chimiche del muco cervicale che è prodotto dalla vagina durante il ciclo mestruale. Su questi studi vengono fornite delle indicazioni su quali siano i periodi più fertili:

Primi 5 giorni
Mestruazioni
-
Successivi 2-3 giorni
Primi giorni sicuri
Secchezza vaginale
Successivi 4-5 giorni
Giorni umidi
NON SICURI
Aumento del muco vaginale
Successivi 2 giorni
Picco di ovulazione
NON SICURI
Abbondante muco chiaro e viscido
Successivi 3 giorni
Picco post ovulazione
NON SICURI
Diminuzione graduale della secrezione
Ultimi 11 giorni
Ultimi giorni sicuri
Secrezione minima

Infine vorrei fare una precisazione sul liquido seminale maschile. Lo sperma non è altro che il liquido in cui sono contenuti gli spermatozoi. Gli spermatozoi sono la cellula germinale (gamete) maschile che contiene il patrimonio cromosomico necessario per dare origine ad una vita insieme ad un ovulo (gamete femmile).

Uno spermatozoo rimane vivo nel tratto riproduttivo femminile per 5-7 giorni e forse anche di più, proprio perché ci sono condizioni favorevoli alla sua sopravvivenza [Ullmann]. Questa è una delle cause principali della scarsa efficacia dei metodi naturali, escludendo l’incertezza dei dati forniti dai metodi stessi.

Lo spermatozoo per muoversi non ha bisogno di un liquido qualsiasi, deve essere anche adatto alla sua sopravvivenza. Per questo motivo non si può rimanere incinta attraverso vestiti, per via orale, da un occhio e nemmeno attraverso la pelle. So che sembra assurdo fare queste precisazioni, ma vi assicuro che c’è gente che non lo sa.

Credo di aver chiarito i dubbi più semplici e comuni, in caso abbiate bisogno di approfondimenti andate al consultorio più vicino a casa vostra. Su queste cose c’è poco da scherzare, un vostro errore può determinare il destino di una vita, sia in caso di un aborto, sia se si decide di diventare genitori.
NB: Le informazioni qui riportate non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici.

FONTI
  • P.Hanretty, Obstetric illustrated
  • Ullmann's Encylopedia of Industrial Chemistry
Per saperne di più

Commenti

  1. Interessante il fatto che il diaframma vaginale risulta essere più sicuro del preservativo. C'è un motivo per questa lieve differenza?

    RispondiElimina
  2. Ovviamente non so il motivo, immagino dipenda molto da chi lo usa. Il preservativo viene usato anche da coppie inesperte mentre il diaframma di solito lo usa una donna che ha già la sua esperienza. Poi non so, forse il preservativo si lesiona più facilmente.

    RispondiElimina

Posta un commento

Condividi con me le tue impressioni e aiutami a rendere i miei post più semplici da capire.

Per non generare liti con gli altri utenti, cerca di essere gentile ed educato: l'aggressività porta altra aggressività.

Sii corretto: rispetta le opinioni degli altri, cerca di comprendere prima di giudicare.

Sii chiaro: se non ti esprimi bene si possono generare incomprensioni e finiresti per creare un confronto diverso da quello che tu vorresti. Cerca di attenerti all'argomento del post.

Non attaccare, ne difendere, nessuno. Cerca di limitarti solo a dire quello che pensi in modo oggettivo, senza provocazioni, sarcasmo o altri fattori che generino un comportamento aggressivo.

COMPRENSIONE NON È APPROVAZIONE.

Qualunque cosa io o gli altri possano scrivere, anche la cosa più orribile, il cercare di comprenderla non vuol dire affatto che la approvi.
Ricordalo, è un ottimo esercizio anche per la vita di tutti i giorni.