Eugenetica umana: generazioni forti, intelligenti, migliori.

  Versione 1.0    ?

L'essere umano, durante tutta la sua storia, ha sempre avuto dei momenti in cui il delirio di onnipotenza ha accecato la sua mente e lo ha fatto illudere sulle sue capacità.

La conoscenza che abbiamo acquisito nell'ultimo secolo è superiore a tutta quella accumulata negli ultimi 2000 anni, eppure tante volte ci siamo illusi con le nostre conquiste.

Ricordo quando ero un bambino, negli anni '90, quando si diceva che attorno al 2020 tutte le macchine avrebbero avuto la capacità di volare. Nulla di male nel fare qualche salto di fantasia, ma alcune volte tendiamo troppo ad esagerare.

Oggi vi parlo di Eugenetica, ossia lo studio dei metodi per perfezionare la specie umana attraverso un processo di selezione artificiale dei caratteri fisici e mentali ritenuti positivi.

Questa selezione artificiale si attua in tanti modi che potete benissimo immaginare. Ve ne cito alcuni:
  • fecondazione artificiale con ovuli ritenuti migliori di altri;
  • sostegno economico verso famiglie che hanno un certo tratto fisico o mentale ritenuto positivo;
  • sterilizzazione di individui ritenuti negativi per la società.
  • ecc...
I nazisti in passato addirittura credevano di poter risolvere i problemi politici con l'eugenetica, forzando persone da loro ritenute migliori per la nazione ad accoppiarsi, come animali, per creare una razza migliore. Fortunatamente la dittatura fascista è finita.

Dopo i nazisti, oggi c'è un'altra dittatura che ha il sogno di creare una razza superiore: la Repubblica Popolare Cinese. Personalmente credo che il potere dia alla testa e, pur ammettendo la buona fede che potrebbe avere la Cina, credo che andare contro la selezione naturale degli esseri umani sia un atto mortale contro la nostra specie.

La selezione artificiale, anche se può migliorare un certo carattere positivo, alla lunga causa una debolezza nella specie.

L'evoluzione ha due grandi leggi che la governano:
  1. la selezione naturale;
  2. la mutazione genetica.
La selezione naturale si ha quando una specie, durante il ciclo della sua vita, aumenta il numero di individui compatibili con la sopravvivenza in un certo ambiente naturale.

Ad esempio, se si parla di volpi, e siamo in un ambiente perennemente nevoso, la selezione naturale farà in modo che sopravvivano sempre più volpi bianche (mimetizzazione) con la pelliccia folta (resistenza al freddo).

Durante la selezione naturale però ci sono delle variabili impazzite, casuali, chiamate mutazioni genetiche. Una mutazione genetica può essere incompatibile con la vita causando la morte, a volte può dare un miglioramento, oppure può essere indifferente alla sopravvivenza, come il colore degli occhi o la forma del naso.

Le mutazioni genetiche sono fondamentali per l'evoluzione che, se dipendesse soltanto dalla selezione naturale, alla fine porterebbe ad una specie della stessa razza e con gli stessi tratti genetici, seppur i migliori.

E cosa accade quando individui della stessa specie sono troppo uguali? 
Accade che la specie diventa vulnerabile, perché una malattia fisica o mentale può causare epidemie spaventose, perché tutto il patrimonio genetico della specie diventa povero, con poca roba da selezionare per arrivare ad una specie ancora migliore.
La diversità è un valore
Eppure ho visto addirittura qualche italiano che difende l'eugenismo cinese, che oltre ad essere figlio di una civiltà essenzialmente atea (e che, pur non condividendo, posso rispettare), ignora totalmente lo sviluppo psicologico che un essere umano può avere al di là del suo patrimonio genetico.

Non basta studiare il DNA delle menti e degli atleti più brillanti del pianeta per poter creare una razza migliore.

Ogni mente ed ogni fisico si forgia in base all'ambiente in cui vive e, con il dinamismo dei tempi in cui viviamo, i tratti di DNA che oggi possiamo considerare positivi forse tra 50 anni non lo saranno più.

Inoltre, chi è che ha il diritto di decidere cosa è positivo e cosa non lo è?

A conclusione, credo che l'eugenismo cinese, se da una parte sicuramente porterà ad un miglioramento di alcuni caratteri, globalmente causerà un peggioramento della razza. Ovviamente questo è solo il mio pensiero.

In ogni caso, dovremmo accettare che la natura è l'unica madre a cui dobbiamo affidarci, l'uomo dovrebbe smettere di giocare a fare Dio.

Per approfondire:

Commenti