Perchè dire NO al nucleare





PER SAPERNE DI PIÙ LEGGI ANCHE 
Aggiornato al 17 Marzo 2011


Alla luce della recente crisi energetica mondiale da molto tempo si parla del ritorno all'energia nucleare in Italia, una soluzione che il governo di centro-destra ha proposto per un indipendenza energetica del paese e per il rilancio dell'occupazione.

Straordinariamente, come al solito, la gente ha cambiato idea e oggi poco meno del 50% degli italiani aventi il diritto al voto sono d'accordo con la costruzione di una centrale vicino la loro casa contravvenendo alla volontà popolare del espressa dal referendum del 1987 in cui l'80.6% dissero NO all'energia nucleare in Italia.

Ma perché l'opinione pubblica è cambiata tanto?

Erano più saggi gli elettori di 23 anni fa o siamo più acculturati noi? Personalmente mi sono fatto una mia idea, ma per il momento mi piacerebbe non condizionarvi e lasciare a voi il merito di capire cosa sia più giusto per il nostro paese. Cercherò di esporre, in modo molto semplice, i pro e i contro del ritorno all'energia nucleare in Italia trattando le tematiche che secondo me più possono interessare i lettori.

Prima di tutto bisogna dire, almeno in modo semplice, come funziona una centrale nucleare, per precisione la centrale a fissione nucleare. Banalmente, una centrale nucleare di questo tipo si basa sulla reazione di fissione nucleare che avviene in un reattore nucleare. La fissione nucleare avviene solo per elementi radioattivi, ossia elementi che hanno una massa atomica molto elevata come l'uranio o il plutonio con caratteristiche particolari che non vi sto a menzionare.

Questi elementi radioattivi vengono bombardati con delle particelle (come neutroni) , si spezzano e generano una reazione a catena capace di liberare energia.
Questo processo di produzione energetica è un ciclo che produce dei sottoprodotti: le scorie radioattive. Una scoria radioattiva ha una vita che può andare dai 300 anni al milione di anni (quindi più della vita di un uomo) e ha effetti devastanti sulle forme di vita. L'esposizione alle radiazioni alterano proprio le molecole di DNA, distruggendo legami, generando radicali liberi. Questo fa impazzire le cellule del nostro corpo facendole diventare cellule tumorali le quali portano con altissima probabilità ad un tumore e, nei casi limite, anche ad alterazioni genetiche.

E sapete come vengono smaltite le scorie radioattive? Vengono seppellite sotto terra. Non so se vi rendete conto...

Io non so quanto possa essere ottimista un Italiano al giorno d'oggi, ma con la mafia e gli imprenditori squali che ci ritroviamo dubito che nel nostro paese si possa sperare in un corretto smaltimento di queste scorie.
Vorrei vedere quando i nostri mari, le nostre terre, le nostre sorgenti ed ogni ambiente in cui viviamo saranno contaminati cosa diranno tutti quelli che sono a favore del nucleare, i nostri figli probabilmente ci malediranno nelle nostre tombe.

Una centrale nucleare in Italia non è nemmeno un vantaggio economico poi cosi netto, per i seguenti motivi:
  • Le centrali nucleari in progetto sono di una vecchia generazione sorpassata, dopo anni di spese ci ritroveremo ad usufruire di una tecnologia vecchia e probabilmente obsoleta.
  • Gli studi di fattibilità costano milioni di euro, già stati commissionati dal governo e pagati da noi contribuenti.
  • La costruzione di una centrale nucleare è imponente, un vantaggio solo per i palazzinari e uno smacco ecologico non indifferente.
  • Lo smaltimento delle scorie a norma è costoso
  • L'uranio e il plutonio costano e le fonti sulla terra non sono illimitate. Se tutte le nazioni usassero il nucleare gli elementi radioattivi si esaurirebbero come sta succedendo con il petrolio sicché il costo dell'energia salirebbe sproporzionatamente.
Dire che il nucleare porti solo svantaggi è ingiusto ma bisognerebbe riflettere sulle vere motivazioni per cui il governo vuole il ritorno di questa tecnologia.
Potendo usufruire del vento e del sole, fonti illimitate e innocue, perché investire in impianti che costano centinaia di milioni di euro? Si spenderebbe meno se si rifornisse di pannelli solari ogni famiglia.
Perchè spendere in strutture che, se fossero oggetto di un attacco terroristico, sarebbero capaci di generare un disastro ambientale gravissimo? Perchè farle in un paese in cui il rischio sismico è altissimo?
La fazione politica che vuole la tecnologia nucleare in italia vuole sfruttare un consenso NON INFORMATO da parte della popolazione per favorire le lobby dell'energia.
I cavalli di battaglia del governo per appiopparci le centrali nucleari sono:
  • In Francia, a 20 km dal confine italiano c'è la centrale nucleare più grande d'Europa.
  • In Francia l'elettricità costa meno perché usano l'energia nucleare.
  • In Italia ci sono dei giacimenti di Uranio
  • Gli ingegneri italiani sono i migliori al mondo.
  • Il referendum del 1987 è stato cosi a netto sfavore perchè era appena accaduto il disastro di Chernobyl.
Dopo tutto quello che ho detto prima, anche se le precedenti considerazioni fossero valide, si capisce il perché queste "buone" motivazioni sono insufficienti. Buona parte della politica è ignorante in materia di energia, le scelte energetiche del paese dovrebbe farle una commissione tecnica con titoli di studio adeguati e non la massa di ignoranti che stanno al governo.

Dite NO al nucleare per il nostro futuro, dite NO al Nucleare perchè prima o poi finirà anche il materiale radioattivo e ci ritroveremo punto e a capo , dite NO al nucleare perchè il sole e il vento sono gratis e in Italia ne abbiamo in abbondanza.
Informatevi bene, perchè informare chi non conosce la realtà è l'unica via corretta per far scegliere volontariamente di andare contro questa decisione del governo.

Non si tratta di destra o sinistra, si tratta solo di buon senso.
Spero che lo abbiate anche voi.

I possibili siti per le centrali sono stati già scelti, presto dei gruppi, non so ancora quali, sicuramente proporrano di firmare per indire un referendum. Vi prego di fare il vostro dovere di cittadini italiani, qualunque colore politico abbia la promozione del NO al nucleare.

Per quanto riguarda il futuro, si stanno progettando centrali a FUSIONE nucleare. Funzionano come il sole, senza elementi radioattivi e queste hanno un grande futuro.
Ricordate che in Italia si vogliono ancora fare centrali a FISSIONE, che sono ben diverse, quindi non fatevi imbrogliare.

Ci sarebbe tanto da approfondire, se avete qualsiasi curiosità scrivetemi pure anche in forma anonima, mi impegno personalmente trovare materiale e rispondere a qualsiasi domanda avrò competenza appena il mio tempo libero lo consentirà.

Vi lascio le considerazioni del Professor Rubbia, premio Nobel per la fisica ITALIANO.
Informatevi sempre, la conoscenza è la salvezza per tutti i campi.
Ci sentiamo alla prossima.

Per saperne di più:


      Commenti