25 Aprile. Festa per tutti?

Molti esponenti politici in questi giorni stanno riproponendo questa festa come "la festa di tutti". Questa dovrebbe davvero essere la festa di tutti ma la realtà dei fatti è ben diversa.

Il 25 aprile si festeggia la liberazione dall'occupazione Nazifascista. Come la mettiamo con i nostalgici di Mussolini? Come la mettiamo con gli antisemiti che ancora ci sono in italia?

Molte persone si ostinano ancora a dividere il mondo in Destra e Sinistra quando è palese quale sia il ragionamento più giusto da fare, ossia quello tra giusto e sbagliato.
Ogni essere umano sulla terra ha le sue luci e le sue ombre cosi che, come non si può negare che i partigiani abbiano commesso dei crimini non si può nemmeno negare che grazie alla resistenza dei partigiani molti italiani hanno resistito all'occupazione militare dei tedeschi, hanno rallentato la conquista territoriale di Hitler in Italia.
Lo stesso mio Nonno, che non era un partigiano, è stato torturato dai tedeschi.

Putroppo in questa Italia ci sono ancora persone incapaci di godersi la democrazia, persone che credono fermamente che l'Italia abbia bisogno di un nuovo duce. E' inutile dire quindi che molte persone estremiste di Destra fanno l'accostamento del duce con l'attuale Silvio Berlusconi.

Sarebbe di buon auspicio, in questo 25 Aprile, un po' di equilibrio. Bisognerebbe riconoscere ai partigiani ciò che è a loro dovuto e, da parte di quelli di sinistra, riconoscere a Berlusconi la capacità di tenere unito un paese che se fosse per la sinistra sarebbe frammentato.

E' ovvio che anche il governo di Destra ha le sue ombre: il passato di Berlusconi, i condannati che sono nel suo partito e i compromessi con la lega sono una macchia che sporcherà tutte le decisioni del premier.
A questo punto però, pur essendo io stesso contro Berlusconi, vorrei che vi faceste 3 domande:

Può attualmente lo schieramento di sinistra governare con l'efficacia di Berlusconi?

Può una coalizione che ha come capi Franceschini, D'alema e Di pietro riuscire a trovare dei compromessi?

Possono gli italiani di oggi rimanere fuori dalla scala dei valori che Berlusconi oggi rappresenta?

Sarà colpa della TV o forse delle nuove generazioni, ma più passa il tempo e più mi rendo conto che Berlusconi è ciò che la maggioranza degli italiani vuole. Poichè siamo in democrazia, tutti noi italiani dobbiamo augurarci che Berlusconi in questi 5 anni faccia più cose buone possibili, in attesa che nasca un opposizione più pulita, con più ideali e sopratutto con più intelligenza politica.

Tutti sappiamo che non c'è luce senza ombre e viceversa. Teniamo duro 5 anni e cerchiamo di mantenere la memoria fino a fine legislatura.

Buona serata

Commenti